Diocesi di
VICENZA
online
Diocesi di Vicenza
» Home Page » Evangelizzazione » Evangelizzazione e Catechesi »  Documenti »  UNA PROPOSTA PER LA PASTORALE BATTESIMALE (di Antonio Bollin, luglio 2012)
UNA PROPOSTA PER LA PASTORALE BATTESIMALE (di Antonio Bollin, luglio 2012)






UNA PROPOSTA PER LA PASTORALE BATTESIMALE:


L'ACCOMPAGNAMENTO DEI GENITORI DEI BAMBINI 0-6 ANNI


 


La pastorale battesimale non si conclude con la preparazione e la celebrazione del sacramento fontale, la porta della vita cristiana, il Battesimo, ma continua o dovrebbe proseguire negli anni successivi. In realtà non è così. Il tempo dal battesimo all'avvio degli itinerari di fede/catechistici con i fanciulli in parrocchia rimane ' salvo qualche timida esperienza - privo o quasi di proposte formative da parte della comunità cristiana. Il cammino di iniziazione alla vita cristiana non comincia con l'esperienza della catechesi parrocchiale per i ragazzi, ma con il Battesimo. C'è quindi un arco di tempo di circa 6 anni da coprire con la fantasia dello Spirito e da 'inventare', il tempo della mistagogia battesimale in cui i genitori ' spesso giovani ' sembrano ben disposti per una proposta educativa, di riaggancio con la comunità e di riscoperta dell'essere credenti. Naturalmente occorre far interagire positivamente e costruttivamente in questo periodo alcune agenzie che hanno a cuore e i bambini e i loro genitori: le stesse famiglie, le comunità parrocchiali e le scuole dell'infanzia/materne di ispirazione cristiana della FISM (Federazione italiana scuola materne ' ben radicate nel territorio vicentino).


 


Nella nostra Chiesa dalla conclusione del Sinodo diocesano del 1987, che lanciava la proposta di incontri con i genitori ('almeno quattro' ) in vista del Battesimo del figli, agli Orientamenti pastorali 'Cristiani si diventa' del 2001, che indicava un 'Itinerario di fede con i genitori, in occasione della richiesta del Battesimo dei bambini', l'esperienza battesimale ' grazie anche ai percorsi di formazione per i catechisti e le coppie di catechisti battesimali ' ha trovato una buona accoglienza e diffusione. Ora è necessario fare un passo ulteriore: esso che diventa una via di primo annuncio per le coppie di genitori, un momento più prolungato e approfondito per disegnare la bellezza della fede con adulti, una occasione per accompagnare giovani famiglie all'incontro con Cristo e l'inserimento attivo nella Chiesa tramite l'educazione religiosa dei piccoli. Altre diocesi si sono impegnate su questo fronte promettente, predisponendo cammini e sussidi : Milano, Cremona, Brescia, Mantova, Torino e Roma (con la lectio di papa Bene detto XVI dell' 11 giungo scorso)'. Questo passo nuovo ci permetterà di reimpostare gradualmente l'impianto dell'iniziazione cristiana nelle nostre comunità, come gli Orientamenti pastorali CEI 'Educare alla vita buona del Vangelo' chiedono e l'Ufficio Catechistico Nazionale sta operando attraverso i convegni regionali sul tema 'Come pietre vive. Rinnovare l'iniziazione cristiana nelle nostre chiese'.


 


Per dare concretezza a tale proposta da due anni un'équipe, formata da membri dell'Ufficio per l'evangelizzazione e la catechesi ' di quello per la pastorale del matrimonio e della famiglia ' della FISM - e da alcuni docenti di religione, ha lavorato preparando tre itinerari di fede con i genitori dei bambini 0-6 anni: un itinerario 0-3 anni, due itinerari per 3-6 anni con o senza la presenza di scuola materna (FISM) legata alla parrocchia. Questi itinerari ' che diventano una ulteriore possibilità per incontrare e riavvicinare le giovani famiglie, futuro della Chiesa - si caratterizzano per l'essenzialità, il legame alla vita concreta di coppie giovani con figli, il riferimento a feste dell'anno liturgico.


 


Si pensa di presentare l'iniziativa nel prossimo autunno, di individuare una decina di parrocchie per la necessaria sperimentazione e contemporaneamente di avviare dei percorsi per animatori di questi itinerari di fede con genitori dei bambini 0-6 anni. E' una proposta per dare risposta all'Anno della fede - il Battesimo è la porta della fede - con la speranza che nelle comunità parrocchiali cresca l'attenzione per questa fascia di età.


 


                                               Antonio Bollin

Ufficio Catechistico