Diocesi di Vicenza
 Home Page » Archivio News » 2021 » Gennaio 2021 » Don Giovanni Preto è tornato alla Casa del Padre 
Lunedì 4 Gennaio 2021
Don Giovanni Preto è tornato alla Casa del Padre   versione testuale
I funerali giovedì 7 gennaio nel Duomo di Valdagno






 

           Il Vescovo di Vicenza, Mons. Beniamino Pizziol, i confratelli della RSA Novello e il presbiterio diocesano, annunciano, con dolore illuminato dalla fede, la morte di

 

Don GIOVANNI PRETO

 

di anni 85

 

Riconoscenti al Signore per il dono di una esistenza ricca di anni e di frutti spirituali, ricordano il suo ministero pastorale svolto come vice direttore dell’Istituto Vescovile “A. Graziani” di Bassano del Grappa e insegnante; come vice direttore del Centro di Formazione Professionale di Trissino; come assistente del Cammino Neocatecumenale in Francia; come parroco di S. Giorgio in Bosco; come cappellano dell’Ospedale Civile di Arzignano e della Fondazione Marzotto di Valdagno.

 

Lo affidano alla misericordia di Dio Padre e per lui invocano il premio riservato ai servi fedeli.

 

La liturgia di commiato e di suffragio avrà luogo giovedì 7 gennaio alle ore 10.30 nel Duomo di S. Clemente Papa a Valdagno, preceduta alle ore 10.00 da un momento di preghiera e di testimonianza.

 

La sepoltura avverrà nel Cimitero di Valdagno.

 

Una veglia di preghiera si terrà mercoledì 6 gennaio alle ore 17.00 nella chiesa parrocchiale di S. Gaetano Thiene in Valdagno

 

Vicenza, 3 gennaio 2021

 

 

CURRICULUM VITAE – DON GIOVANNI PRETO

 

Nato a Valdagno (VI) il 21.08.1935, fu ordinato sacerdote a Vicenza il 28.06.1959. Fu vice direttore dell’Istituto Vescovile “A. Graziani” di Bassano del Grappa dal 1959 al 1973 e insegnante dal 1977 al 1992.

Dal 1973 al 1977 fu vice direttore del Centro di Formazione Professionale di Trissino.

Dal 1992 al 2001 fu assistente del Cammino Neocatecumenale a Marsiglia in Francia.

Nel 2001 venne nominato parroco di S. Giorgio in Bosco. Dopo aver rinunciato all’ufficio di parroco, prestò il suo servizio sacerdotale come cappellano dell’Ospedale Civile di Arzignano dal 2005 al 2015 e della Fondazione Marzotto di Valdagno dal 2015 al 2019.

Trascorse l’ultima parte della sua vita nella RSA Novello, dove si spense il 02.01.2021.