Diocesi di Vicenza
 Home Page » Archivio News » 2018 » Settembre 2018 » Un Vescovo in Arabia 
Martedì 11 Settembre 2018
Un Vescovo in Arabia   versione testuale
Incontro con mons. Hinder al Centro Culturale San Paolo






 
 Venerdì 14 settembre alle 20.30 al centro Culturale San Paolo di Vicenza incontro con mons. Paul Hinder  vicario apostolico dell'Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen) e autore del volume appena pubblicato Un vescovo in Arabia. La mia esperienza con l'Islam. Svizzero, ha studiato diritto canonico e teologia in Germania. Nel 2003 è stato nominato vescovo ausiliare nella Penisola araba e nel 2005 ha assunto l'incarico di vicario apostolico. È una delle voci più importanti della Chiesa cattolica nel dialogo con l'islam. Parla correntemente l’italiano.

Contenuti

«Bianco e nero, e basta: non funziona così. E soprattutto non funziona così alcun dialogo. L’analisi delle differenze è nemica della spettacolarizzazione emotiva e della mobilitazione. Ma quando si vive in regioni come la nostra, allora tutto diventa più frammentario e complicato, perché noi facciamo altre esperienze».

Paul Hinder è dal 2003 vescovo nella regione più musulmana del mondo, la Penisola araba, per eccellenza la terra sacra della religione fondata da Maometto. In queste pagine, per la prima volta un vescovo cattolico racconta cosa significa vivere nei Paesi governati dagli sceicchi dei petrodollari, dove l’islam avvolge ogni aspetto della vita e non esiste libertà religiosa, ma solo di culto.

Leggere queste pagine però sarà anche fonte di sorprese per molti: in Arabia oggi si assiste, causa massicce migrazioni (in particolare dall’Asia), al ritorno di centinaia di migliaia di cristiani proprio laddove all’inizio dell’epoca cristiana vi erano sedi episcopali e diversi monasteri. Una rifioritura cristiana che significa chiese stracolme di fedeli e celebrazioni in decine di lingue diverse.

La testimonianza del vescovo Hinder è preziosa perché racconta in presa diretta le difficoltà, le speranze e le conquiste di quel dialogo tra cristiani e musulmani che resta una delle chiavi per la pace nel mondo. Alieno da ogni faciloneria nel confronto interreligioso, realista nell’affrontare gli snodi di una convivenza.

 

L'incontro è proposto in collaborazione con L'Ufficio missionario diocesano, Migrantes, Presenza Donna e la Commissione diocesana per la Formazione del clero.