Diocesi di Vicenza
 Liturgia » Celebrazioni e Riti » PROPRIO DEI SANTI DELLA DIOCESI DI VICENZA » 2 luglio San Teobaldo 
LUGLIO
2 luglio San Teobaldo   versione testuale
PRESBITERO ED EREMITA





 

MEMORIA

S. TEOBALDO nacque a Provins in Francia nell’anno 1033. A 21 anni, desiderando la perfezione cristiana, abbandonò la famiglia e abbracciò la vita eremitica. In seguito, peregrinando verso la Terra Santa, stremato di forze, si fermò presso la Chiesa di Saianega in Sossano Vicentino. Qui trascorse il resto della sua vita nell’austerità, nello studio e nella preghiera. Vestì l’abito dei Camaldolesi di Vangadizza e venne ordinato presbitero dal Vescovo di Vicenza Sindecherio.

La fama della sua santità si diffuse presto nei dintorni, convalidata da molti miracoli in favore degli ammalati e dei bisognosi.

 

ANTIFONA D'INGRESSO

II Signore è mia parte di eredità e mio calice;

nelle tue mani è la mia vita.

Per me la sorte è caduta su luoghi meravigliosi,

magnifica è la mia eredità. Sal 15, 5-6

 

COLLETTA

O Dio, che hai ispirato san Teobaldo

ad abbandonare le comodità del mondo

per consacrarsi interamente a te

nella solitudine della vita penitente,

concedici, nella tua bontà, di essere liberati

dall'amore disordinato di questo mondo,

per vivere fedelmente la nostra vocazione cristiana.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,

e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,

per tutti i secoli dei secoli.

 

SULLE OFFERTE

O Padre misericordioso,

che in san Teobaldo

hai impresso l'immagine dell'uomo nuovo,

creato nella giustizia e nella santità,

concedi anche a noi di rinnovarci nello spirito,

per essere degni di offrirti il sacrificio di lode.

Per Cristo nostro Signore.

 

 

 

ANTIFONA ALLA COMUNIONE

«In verità vi dico:

voi che avete lasciato tutto

e mi avete seguito

riceverete cento volte tanto

e avrete in eredità la vita eterna». Mt. 19, 28-29

 

DOPO LA COMUNIONE

O Dio onnipotente,

che in questi sacramenti

ci comunichi la forza del tuo Spirito,

fa' che, sull'esempio di san Teobaldo,

impariamo a cercare te sopra ogni cosa,

per portare in noi l'impronta

del Cristo crocifisso e risorto,

che vive e regna nei secoli dei secoli.